ordine tsrm pstrp della provincia di parma

Chi Siamo

Un nuovo esperimento: L’Ordine dei Tecnici sanitari di radiologia medica, delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione  di Parma

Storia

Con l’entrata in vigore della Legge Lorenzin (l. n. 3/2018 “Delega al governo in materia di sperimentazione clinica di medicinali nonché disposizioni per il riordino delle professioni sanitarie e per la dirigenza sanitaria del Ministero della salute”) viene approvata la riforma degli Ordini professionali sanitari. In particolare, è stato finalmente costituito un unico grande Ordine professionale che comprende quasi 200mila professionisti sanitari afferenti a 19 diversi albi.

Questa legge trasforma quindi il “collegio” in un “ordine” multi albo all’interno del quale sono comprese tutte le figure professionali tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, che in precedenza erano prive di un albo professionale (esclusi gli assistenti, sanitari, che afferivano al vecchio collegio IPASVI).

Le professioni sanitarie si riuniscono quindi sotto un’unica bandiera, quella della Federazione Nazionale degli Ordini dei TRSM (Tecnici Sanitari di Radiologia Medica)  e PSTRP (Professioni Sanitarie Tecniche della Riabilitazione e della Prevenzione).

Le attività dell’Ordine sono finalizzate alla tutela e alla conservazione del decoro, della dignità e dell’indipendenza della professione. L’Ordine promuove e fa rispettare il Codice Deontologico, esercita il potere disciplinare nei confronti dei professionisti iscritti agli albi, si interpone nelle controversie che si verificano fra questi ultimi, fra gli stessi o persone o Enti a favore dei quali abbiano prestato o prestino la loro attività.

Attraverso questo processo di trasformazione l’ordine istituito esprime rappresentanza e visibilità politica nelle istituzioni ed argina l’abusivismo delle professioni.

Come affermato da Alessandro Beux, presidente della Federazione, il nuovo ordine si differenzia dal collegio per tre motivi principali.

Esso è innanzitutto un ente sussidiario dello stato e non più ausiliario: l’ordine quindi “si occuperà direttamente di alcune funzioni per conto dello Stato e non solo a supporto di quest’ultimo”. L’Ordine infatti assume tutte le iniziative utili a promuovere e a favorire il progresso culturale degli iscritti e mantiene costanti rapporti con tutte le Istituzioni pubbliche (Governo, Parlamento, Regioni, Università, Organizzazioni Sindacali).

Altra importante differenza riguarda l’architettura istituzionale. Infatti, il passaggio da un Collegio (dei TSRM) ad un Ordine unico contenente ben 19 albi non è una trasformazione da poco. Proprio in ragione di questo elevato numero di albi è stata identificata una nuova figura di rappresentanza istituzionale della professione: la commissione d’albo. È tramite questo soggetto di rappresentanza che le professioni tutelano la loro identità e il loro percorso istituzionale.

Il consiglio direttivo mantiene invece la rappresentanza istituzionale dell’ente, con funzioni prevalentemente gestionali.

Infine, come il Presidente Alessandro Beux ha sottolineato, “le relazioni interne all’istituzione passano da intra-professionali (tra TSRM) a inter-professionali (tra i diversi professionisti sanitari)”.

Attraverso queste interazioni, il valore delle singole professioni sarà incrementato, soprattutto grazie al confronto tra i valori, la storia e le competenze dei singoli professionisti iscritti, con l’auspicio che tali virtù si rispecchino in quelle del servizio sanitario nazionale e nel trattamento delle persone assistite.

I nostri obiettivi

Miglior reciproca conoscenza, valutazioni e progettualità, verifica partecipata della qualità dei percorsi formativi di base, definizione di una carta etica comune, cooperazione dell’interazione di linee guida, miglioramento dell’integrazioni inter-professionale nella pratica clinica e iniziative sociali e mediatiche di maggior impatto.

Ordine TSRM PSTRP della provincia di Parma

Come siamo organizzati

Prima iscrizione

Rinnovo 2020